Insegnare in libertà, dare maggior potere agli insegnanti, in una giornata che sia monito e per rivalutare tale figura dandole giusto rispetto e posto all’interno del sistema sociale, ma sia anche una riflessione per gli insegnanti ricordando loro la grande responsabilità nei confronti del futuro del singolo individuo e della comunità.

di Tiziana Conte

Oggi, 5 ottobre 2021, ricorre la Giornata mondiale degli insegnanti, l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Educazione, la Scienza e la Cultura (UNESCO), negli anni scorsi ha commemorato lo status  dell’insegnante considerandolo come “la principale  struttura di riferimento per i diritti e le responsabilità dei docenti su scala mondiale”.
La figura dell’insegnante nel corso della storia ha avuto designazioni differenti e ruoli sociali contrastanti, passando da un ruolo riconosciuto come autorità dello Stato a un ruolo servile e svilente.
Il Covid 19 e le vicende legate al lockdown hanno portato nuovamente all’attenzione sociale politica ed economica il ruolo fondamentale della scuola e soprattutto il ruolo imprescindibile dell’insegnante, la sua caparbietà e capacità di reinventare un mestiere per riuscire a rispondere tempestivamente alle emergenza.
La pandemia deve essere vista come opportunità di rivalutare la figura professionale “visionaria” e coraggiosa del maestro,  sempre rivolta al futuro, attenta alle criticità sociali e culturali della Nazione sentendo la responsabilità politica e civile del futuro del Paese.

Essere Maestro” non è un ripiego professionale, all’interno di esso della sua anima della sua professionalità non convergono soltanto i saperi, ma la sua figura racchiude elementi etici e valoriali, modelli comportamentali e soprattutto l’amore indiscusso per l’umanità e le giovani generazioni, esso ha occhi profondi e “innamorati”, è un eterno sognatore, si riconosce per il suo entusiasmo e per il fanciullo che è in lui, alimentato dalla volontà di non invecchiare ed essere in grado di capire, anche se lo scarto generazionale anagrafico tra lui e i suoi alunni può essere elevato, il linguaggio e i bisogni dei suoi alunni, è in grado di emozionarsi, sorprendersi, scoprire, e vivere sempre quell’emozione della prima volta.
Nonostante la grande responsabilità sociale che la figura dell’insegnante riveste all’interno della società, essa non ha ancora  i giusti riconoscimenti, gli insegnanti subiscono la trascuratezza da parte dello Stato/Regione/Provincia in termini di  rispetto, giusto ruolo all’interno di un sistema professionale. Mi preme ricordare,  l’affermazione del Ministro Bianchi in occasione delle commemorazioni del 2 giugno 2021 : “gli insegnati sono i primi rappresentanti dello Stato che un cittadino incontra nella sua vita”. Io aggiungerei: “che lo indirizza verso scelte di vita a volte come riscatto sociale altre volte rischiando di perderlo”.
La giornata di oggi sia monito per l’opinione pubblica per rivalutare tale figura dandole giusto rispetto e posto all’interno del sistema sociale, ma sia anche una riflessione per gli insegnanti ricordando loro la grande responsabilità nei confronti del futuro del singolo individuo e della comunità.

<!-- Inizio codice Hotspot (Native Advertising) eADV.it per il sito ilcampanile.it -->
<script type="text/javascript">
(function() {var id = 'eadv-6-' + Math.random().toString(36).substr(2) + (new Date().getTime());document.write(String.fromCharCode(60,115)+'cript async="async" defer="defer" type="text/javascript" id="' + id + '" sr' + 'c="https://www.eadv.it/track/?x=19-12114-6d-6-4a-0-f1-12-6b-234x60-80-0-d0-3163&amp;u=itlic.aemlpian&amp;async=' + id + '&amp;w=250&amp;h=250&amp;cttl=05a098&amp;ctxt=222222&amp;cbg=ffffff&amp;cbgh=f2f2f2">'+String.fromCharCode(60)+'/sc' + 'ript>');})();
</script>
<!-- Fine codice Hotspot (Native Advertising) eADV.it per il sito ilcampanile.it -->
error: Content is protected !!