Tempo di lettura: 2 minutes
Il Garante della privacy e quello per i diritti delle persone private della libertà personale hanno firmato un protocollo d’intesa per proteggere la dignità e i diritti dei detenuti e di altre persone sottoposte a forme di limitazione della libertà.

di Redazione —

Un Protocollo d’Intesa sulla tutela di soggetti privati della libertà personale è stato sotto scritto dal Garante per la protezione dei dati personaliPasquale Stanzione e dal Garante nazionale dei diritti delle persone private della libertà personaleMauro Palma.
L’accordo, sottoscritto dai due Presidenti di garanzia, ha l’obiettivo proteggere la dignità e i diritti dei detenuti e di altre persone sottoposte a forme di limitazione della libertà, come i migranti trattenuti nei CPR, Centri per i rimpatri, nonchè, gli ospiti delle REMS, Residenze per l’esecuzione delle misure di sicurezza.

I due Garanti, potranno attivare ispezioni e istruttorie congiunte su casi di reciproco interesse, avviare indagini conoscitive, scambiare informazioni su possibili violazioni di pertinenza dell’altra Autorità, nonchè, supporteranno progetti formativi comuni, per condividere esperienze e migliorare specifiche competenze nel settore.
«Questo protocollo rappresenta un importante passo in avanti per l’effettiva tutela della riservatezza di chi è sottoposto a misure privative e limitative della libertà personale. Auspichiamo che contribuisca a far crescere nel nostro Paese una maggiore consapevolezza sul rispetto dei diritti di persone in condizione di particolare fragilità», le parole del Presidente Stanzione, a cui hanno fatto eco quelle del Presidente Palma, che ha sottolineato: «Rispetto a persone che a volte vedono i diritti più elementari difficilmente esigibili nelle particolari condizioni in cui si attua la loro privazione della libertà, potrebbe non sembrare prioritario porre il tema della tutela della loro privatezza. In realtà dietro l’eventuale non tutela di questo bene primario di ogni individuo, si nasconde il non riconoscimento quale persona di chi in tale condizione si trova. Per questo la tutela della privacy di chi appare essere ‘ultimo’ è segno primario della capacità di tutelare i diritti di tutti.».

error: Content is protected !!