Tempo di lettura: 2 minutes
Delle panchine, caratterizzate da un disegno ed una frase, che ne evidenziano il significato, rendendole vere e proprie opere d’arte, due sono state dedicate agli apricenesi Matteo Salvatore e Marcello Pirro, la terza alla “Gentilezza”, mentre, la quarta panchina è stata realizzata grazie ad un progetto grafico degli studenti del Mini Consiglio comunale.  

di Redazione —

Nella sera del 24 giugno 2021, ad Apricena, in Provincia di Foggia, lungo la pista ciclabile in zona Sacra Famiglia, sono state inaugurate 3 Panchine Letterarie e la Panchina della Gentilezza, un importante progetto a sostegno della Cultura, della Gentilezza ed a promozione della lettura, fortemente voluto dal Comune di Apricena.
Due panchine sono state dedicate agli apricenesi Matteo Salvatore e Marcello Pirro, la terza stata dedicata alla “Gentilezza”, mentre, la quarta panchina è stata realizzata grazie ad un progetto grafico degli studenti del Mini Consiglio comunale. Ogni panchina è caratterizzata da un disegno ed una frase, evidenziando il loro profondo significato e rendendola una vera e propria opera d’arte.

«Una bellissima esperienza a sostegno della crescita socio-culturale della nostra comunità e soprattutto un modo per rincontrare, finalmente, i ragazzi e le famiglie apricenesi. Un forte segnale di speranza e ripartenza», sono state le parole del Sindaco di Apricena, Antonio Potenza, a cui hanno fatto eco quelle dell’Assessore Anna Maria Torelli, che ha sottolineato: «La lettura è un valore in grado di influenzare positivamente la qualità della vita individuale e collettiva. La lettura è il motore della nostra crescita personale.».
«Ogni panchina va ad arricchire culturalmente e visivamente la nostra città e proprio per questo, dobbiamo preservarle e custodirle nel tempo.  La Panchina della Gentilezza, in occasione della Settimana Nazionale delle Panchine Viola, ha l’obiettivo di far conoscere l’importanza della gentilezza, affinché diventi un’abitudine sociale diffusa», sostiene il Consigliere comunale Maria Rita Labombarda.

error: Content is protected !!