Tempo di lettura: 2 minutes
GIOVE: «I giovani che dedicano questo anno della propria vita alla comunità sono disponibili a dare agli altri, sono desiderosi di leggere le sfide che affronta la società e che influiranno sulla loro generazione, dall’impatto nei territori del cambiamento climatico, alla dimensione socio-sanitaria della salute, fino ai mutamenti demografici e sociali.».  

di Redazione —

L’emergenza Covid-19 ha dimostrato che il Servizio Civile sa essere una formidabile palestra di cittadinanza, un’esperienza di crescita personale e un’occasione per migliorare le proprie competenze e un’infrastruttura di difesa civile e non armata.
Numeri davvero confortanti, si conferma anche quest’anno l’attrattività di ASC Puglia, capace di raccogliere le migliori energie attive sul territorio regionale, oltre 400 domande per il bando di Servizio Civile per i progetti di ASC Puglia. Un’affluenza tale che è stato necessario allungare la scadenza di altri due giorni perché il sistema informatico era stato subissato dalle domande.

«Questi numeri confermano che c’è una generazione di giovani desiderosa di partecipare alla vita di comunità e di fare quest’esperienza così completa. Si conferma la necessità di considerare una dotazione di risorse adeguata nei prossimi anni a rispondere a questa chiara volontà dei giovani di mettersi al servizio delle comunità.
I giovani che scelgono di dedicare questo anno della propria vita alla comunità sono disponibili a dare agli altri, sia individualmente che dentro percorsi organizzati, sono desiderosi di leggere le sfide che affronta la società e che influiranno sulla loro generazione, dall’impatto nei territori del cambiamento climatico, alla dimensione socio-sanitaria della salute, fino ai mutamenti demografici e sociali. Nei prossimi giorni partiranno i colloqui per le selezioni e, purtroppo, 1 ragazzo su 2 dovrà restare a casa per quest’anno.
Qui in Puglia, grazie al lavoro della rete di ASC, 172 giovani potranno svolgere un’esperienze nei comuni, nelle ASL, con la rete AUSER, ANT, UISP, Arciragazzi e nelle realtà che da sempre scrivono la storia dell’associazionismo pugliese», dichiara Davide Giove, Presidente di ASC Puglia.

error: Content is protected !!