Tempo di lettura: 2 minutes
«…il 22 luglio del 2013, l’allora presidente della Regione, Nichi Vendola, a Foggia posava la prima pietra del DEU, plesso dell’emergenza urgenza, per il quale furono stanziati della Regione 65.000.000 di € e, che, a 13 anni dal progetto esecutivo, è un padiglione rimasto chiuso…», dicono i Consiglieri regionali FDI annunciando il sopraluogo di domani al DEU di Foggia.

di Redazione —

«”Oggi mettiamo la prima pietra per un’opera assolutamente d’avanguardia, per un immobile che concentrerà dentro di sé le attività globali e complesse dell’emergenza-urgenza, cioè, qualcosa che farà parlare di questo Policlinico come di una struttura particolarmente moderna, particolarmente avanzata nel panorama sanitario nazionale.”

immagine di repertorio del DEU di Foggia

Quell’oggi era il 22 luglio del 2013, a pronunciare quelle parole era il presidente della Regione Nichi Vendola a Foggia durante la posa della prima pietra del plesso dell’emergenza urgenza (con un progetto approvato nel 2008) finanziato con i fondi della Legge 67/88 e con uno stanziamento integrativo della Regione per complessivi 65.000.000 di €.
A otto anni da quel 22 luglio e 13 anni dal progetto esecutivo il DEU è un padiglione che è rimasto chiuso anche durante la pandemia Covid, mentre il presidente Michele Emiliano ha preferito spendere 25.000.000 di € per un ospedale covid provvisorio nella ‘Fiera del Levante’ di Bari», dicono i sei Consiglieri regionali di Fratelli d’Italia, che domani, mercoledì 7 luglio 2021, saranno a Foggia, agli Ospedali Riuniti, per un sopralluogo.

error: Content is protected !!