Tempo di lettura: 3 minutes
BONAZZI: «chiedo un ampio mandato, per costruire una serie di ‘alleanze’ nel mondo sindacale autonomo ed indipendente, per cambiare il paradigma delle pubbliche amministrazioni dove da troppo tempo la ‘Triplice’ (Cgil-Cisl-Uil) fa da cinghia di trasmissione ai vari governi che nel tempo si avvicendano, ma anche alle pseudo organizzazioni di categoria che sfruttando slogan desueti ingannano i lavoratori.». 

di Redazione —

Una grande e partecipata riunione quella del Consiglio Nazionale di Federazione della FSI-USAE, dello scorso 7 maggio 2021, servita a fare il punto  sulla situazione giuridica contrattuale degli operatori del Servizio Sanitario Nazionale alla luce della avvenuta sottoscrizione del contratto collettivo nazionale quadro per  per la definizione dei comparti di contrattazione della pubblica amministrazione che ha sostanzialmente confermato gli assetti precedenti andando a mortificare le aspettative degli infermieri e delle professioni sanitarie tecniche riabilitative e della prevenzione che ambivano a vedersi riconosciuto un diverso status professionale alla luce  delle competenze e delle responsabilità attribuitegli a livello professionale dal contesto  legislativo approvato negli ultimi anni.

Nella sua relazione il Segretario Generale, Adamo Bonazzi, ha individuato 7 punti che necessitano di una azione di revisione profonda a livello giuridico e professionale dichiarando: «Lavoriamo per l’abolizione del vincolo di esclusività e la richiesta di posizionamento degli infermieri e delle professioni sanitarie tecniche riabilitative e della prevenzione in una apposita sezione dell’area contrattuale della dirigenza», continuando ha anche affermato: «Sta per aprirsi il contratto nazionale del settore è già sappiamo che i soldi stanziati per il comparto sono briciole rispetto alle aspettative del personale interessato che attende dal 2018 la revisione del sistema di classificazione ed un posizionamento contrattuale che dia soddisfazioni giuridiche ed economiche che alla luce delle premesse saranno tradite anche quest’anno.  Non è la prima volta che questa organizzazione combatte una battaglia solitaria per cambiare le cose lo abbiamo già fatto nel 1998 e lo faremo nel 2021.

In gioco c’è molto di più degli aumenti contrattuali scarni in gioco c’è il riconoscimento sociale delle professioni che operano specificatamente ed esclusivamente per la salute dei cittadini italiani.  Se vogliamo che le cose cambino e gli utenti abbiano una sanità universale, altamente qualificata e capillare sul territorio dobbiamo smettere di pensare ad una sanità medicocentrica e dare spazio alle 22 professioni che, in questi anni, hanno dimostrato di essere determinanti ingranaggi del sistema. Ma lavoriamo anche per il ruolo e le competenze degli operatori socio sanitari e per le problematiche di carriera del personale amministrativo. Basta con l’ipocrisia degli aumenti proposti dalla triplice a cui tutti gli altri si accodano.».
Nella sua relazione, che è stata approvata all’unanimità dal Consiglio Nazionale di Federazione della FSI-USAE, il Segretario Generale ha chiesto un «ampio mandato,  per costruire una serie di ‘alleanze’ nel mondo sindacale autonomo ed indipendente, per cambiare il paradigma  delle pubbliche amministrazioni dove da troppo tempo la Triplice (Cgil-Cisl-Uil) fa da cinghia di trasmissione ai vari governi che nel tempo si avvicendano, ma anche alle pseudo organizzazioni di categoria che sfruttando slogan desueti ingannano i lavoratori.». 

error: Content is protected !!