CAROPPO: «Con estrema onestà va detto che al momento la Puglia a sud di Bari è fuori dagli investimenti per l’alta velocità collegati alla rete “Core” di trasporti: sembrerebbe che ad oggi nessun attore istituzionale, a cominciare dalla Regione Puglia, abbia proposto né richiesto alla Commissione Europea di considerare il prolungamento dello stesso corridoio adriatico…».

di Redazione —

«È una buona notizia che si stia lavorando all’ipotesi di prolungamento della dorsale adriatica fino a Bari, ma con estrema onestà va detto che al momento la Puglia a sud di Bari è fuori dagli investimenti per l’alta velocità collegati alla rete “Core” di trasporti: sembrerebbe che ad oggi nessun attore istituzionale, a cominciare dalla Regione Puglia, abbia proposto né richiesto alla Commissione Europea di considerare il prolungamento dello stesso corridoio adriatico anche da Bari a Lecce né di quello Scandinavo-Mediterraneo, che da Napoli già è previsto fino a Bari e, dunque, resta l’ipotesi più facilmente percorribile.

L’inserimento nella rete di livello inferiore, “Comprehensive”, dell’asse Taranto-Brindisi, infatti, è poca cosa, non determina particolari investimenti né alta velocità: del resto è il livello al quale si trova già attualmente l’asse Lecce-Bari.
Considerato che si sono svolti solo due dei tre incontri bilaterali tra Commissione europea e Governo italiano per discutere le modifiche alle reti transeuropeee dei trasporti e la proposta della Commissione è attesa per dicembre, mi auguro che la Regione Puglia, soprattutto, e il Governo italiano recuperino il tempo perduto e lavorino perché mezza Puglia, un’area da 1.500.000 di abitanti, un porto industriale e un aeroporto, non resti fuori dal circuito degli investimenti per l’alta velocità.
Intanto, con l’interrogazione dell’On. D’Attis e la risposta del Ministro Giovannini si è finalmente messa pubblicamente a tema la questione», scrive in una nota Andrea Caroppo, europarlamentare del PPE, membro della commissione industria, ricerca ed energia di Bruxelles, commentando la risposta del ministro delle Infrastrutture e della mobilità sostenibili, Enrico Giovannini, in occasione del ‘question time‘ alla Camera.

<!-- Inizio codice Hotspot (Native Advertising) eADV.it per il sito ilcampanile.it -->
<script type="text/javascript">
(function() {var id = 'eadv-6-' + Math.random().toString(36).substr(2) + (new Date().getTime());document.write(String.fromCharCode(60,115)+'cript async="async" defer="defer" type="text/javascript" id="' + id + '" sr' + 'c="https://www.eadv.it/track/?x=19-12114-6d-6-4a-0-f1-12-6b-234x60-80-0-d0-3163&amp;u=itlic.aemlpian&amp;async=' + id + '&amp;w=250&amp;h=250&amp;cttl=05a098&amp;ctxt=222222&amp;cbg=ffffff&amp;cbgh=f2f2f2">'+String.fromCharCode(60)+'/sc' + 'ript>');})();
</script>
<!-- Fine codice Hotspot (Native Advertising) eADV.it per il sito ilcampanile.it -->
error: Content is protected !!