8
Sono le di   Aggiornamento 29 maggio 2019
 

Denuncia della Federconsumatori per un sistema che peggiora...


Sanita':
situazione preoccupante
dei mezzi di soccorso

FEDERCONSUMATORI chiede in immediato intervento teso a garantire la sicurezza della popolazione attraverso una quantificazione del fabbisogno dei mezzi di soccorso avanzato e di base e un check del Numero unico 112.

di Redazione

La denuncia di Federconsumatori è riassumibile in poche e semplici parole: "Le condizioni dei mezzi di pronto soccorso sono preoccupanti" ed individuano in un “ottica di mero risparmio”, che ha ispirato le scelte delle amministrazioni sanitarie, la risponsabilità primaria del problema, sottolinenadodo come sia "necessario invece garantire un servizio di soccorso appropriato, tempestivo, qualificato e uniforme, sul territorio nazionale”, perchè, "l’approccio solo economico ha portato ad una diffusa demedicalizzazione dei mezzi di soccorso e a una privatizzazione del servizio coo modalità di gestione e d’affidamento che accentuano differenze a livello regionale.".
Federconsumatori chiede un "immediato intervento teso a garantire la sicurezza della popolazione attraverso una quantificazione del fabbisogno dei mezzi di soccorso avanzato e di base e un check del Numero unico 112.".
"È necessario anzitutto che venga fatta immediata chiarezza sul fabbisogno dei mezzi di soccorso per assicurare un soccorso appropriato in termini di tempistica e tipologia di prestazione, specialmente in aree ad elevata concentrazione demografica. Nessuna ragione può giustificare un modello di soccorso avanzato privo di medico." dicono co forza dalla Federconsumatori, spiegando: "le ambulanze 'senza medico' non devono essere annoverate nel conteggio dei mezzi di soccorso avanzato nella valutazione del fabbisogno regionale ed il personale volontario non può in nessun modo essere gestore esclusivo del soccorso di base.".
Quanto al Numero unico 112, si è "reso più farraginosa e lenta la procedura di raccolta delle chiamate e della successiva selezione ed invio del mezzo di soccorso, a tutto danno dell’utenza.".