8
Sono le di   Aggiornamento 3 giugno 2019
 

Rivoluzione negli usi degli italiani


LATTE: 3 italiani su 4
lo vogliono senza lattosio

GRAFFIGNA: «Le riflessioni di natura psico-sociale sono importanti, anche se, in passato, hanno avuto un ruolo marginale rispetto ad altre scienze come la medicina, la farmacologia e la biochimica...».

di Redazione

Nel corso del convegno “Aspettando la Giornata Mondiale del Latte”, promosso da FIL-IDF, Comitato italiano della Federazione Internazionale del Latte, con il supporto della Fondazione Invernizzi e la collaborazione dell’Università Cattolica del Sacro Cuore, tenuto lo scorso 31 maggio 2019 a Cremona, che anticipava l’appuntamento internazionale dell'1 giugno, la Giornata internazionale del latte, si è annunciata una rivoluzione negli usi degli italiani: in crescita il consumo di latte senza lattosio (+6%) e bevande alternative (+9%) mentre si prevede un arresto per il latte vaccino fresco (-4%) e latte vaccino UHT (-5%), secondo quanto dichiarato dalle mamme, influenzate in primis dai siti web (54% delle mamme con figli piccoli e 53% delle mamme con figli adolescenti) e dai social network, il 42% delle mamme con figli piccoli e 34% per le mamme con figli adolescenti, il latte senza lattosio piace anche a chi non soffre di allergia o intolleranza (75%).
La nostra ricerca ha fotografato in primis il consumo di latte nelle famiglie italiane evidenziando che il 44% degli italiani intervistati beve tutti i giorni latte vaccino UHT e il 30% il latte vaccino fresco, in particolare le mamme con figli fino ai 13 anni. Nonostante ciò registriamo l’intenzione per il futuro di diminuirne il consumo, rispettivamente -5% per il primo e -4% per il secondo, a favore del latte senza lattosio (+6%) e di bevande alternative (+9%). Questo dimostra come le riflessioni di natura psico-sociale sono molto importanti, nonostante spesso in passato hanno avuto un ruolo marginale rispetto ad altre scienze come la medicina, la farmacologia e la biochimica nelle quali, invece, notiamo una leggera crescita”, dichiara la Prof.ssa Guendalina Graffigna, Direttore di EngageMinds HUB – Consumer & Health Research Center del Dipartimento di Psicologia della Facoltà di Scienze Agrarie, Alimentari, Ambientali, dell’Università Cattolica del Sacro Cuore.
Gli italiani, da dove prendono le informazioni su latte e alimentazione?
I canali di riferimento sono, rispettivamente, i siti web (50%), seguiti dalla televisione (40%) e dai social network (32%), quest’ultimo in particolare per le mamme con figli fino ai 13 anni d’età (42%), mentre solo il 19% delle stesse mamme dichiara di documentarsi leggendo le riviste scientifiche. Su dove viene riposta la fiducia per reperire le informazioni, però, i dottori e i nutrizionisti restano al primo posto (58%) per gli italiani, seguiti dai familiari e gli amici (51%) e dai gruppi di difesa dei consumatori (41%), dati che rimangono sostanzialmente stabili anche per le mamme. Si confermano poco credibili i politici, per il 64% degli cittadini intervistati, sia italiani che internazionali. Nucleo familiare e gruppo di amici sembrano essere decisivi (51%) anche per i consigli per l’acquisto di prodotti.
Punto nero nella ricerca relativo alle informazioni prese in rete è quel 14% di cittadini intervistati che ha dichiarato di aver creduto nell’ultimo anno a una notizia letta online che poi si è rivelate essere falsa, e tra questi in primis coloro che consumano spesso latte senza lattosio e in generale le mamme con figli fino ai 13 anni d’età. Mentre gli intervistati che consumano latte vaccino fresco e latte vaccino UHT sembrano essere maggiormente al riparo (30%).