Tempo di lettura: 2 minutes
STEA: «Dopo un intenso lavoro di confronto con tutte le sigle sindacali presenti, siamo riusciti nell’intento di sottoscrivere un documento approvato all’unanimità per dare inizio, con la piena tutela dei lavoratori, ai bandi per le prossime 1.021 assunzioni. Adesso spetta al Formez, la piattaforma utilizzata per i concorsi, accelerare le procedure.».

di Redazione —

Si è concluso, in pieno accordo con le organizzazioni sindacali, la RSU ed il CUG, il confronto per la definizione dei profili professionali per il personale di comparto della Regione Puglia, in attuazione alle linee guida già approvate dalla Giunta Regionale con deliberazione n. 2029/2020 ed adottato con deliberazione n. 2172/2020, che consentirà, tra l’altro, l’avvio delle nuove procedure di reclutamento programmate dall’assessore al Personale, Gianni Stea, che, soddisfatto per l’accordo, ha così dichiarato: «Dopo un intenso lavoro di confronto con tutte le sigle sindacali presenti, siamo riusciti nell’intento di sottoscrivere un documento approvato all’unanimità per dare inizio, con la piena tutela dei lavoratori, ai bandi per le prossime 1.021 assunzioni. Adesso spetta al Formez, la piattaforma utilizzata per i concorsi, accelerare le procedure.».
In questa prima parte, complessivamente, si tratta di 1.021 posizioni tra 228 passaggi di livello, 38 Co.Co.Co e 754 nuove assunzioni a tempo indeterminato.
«Come promesso abbiamo accelerato i tempi per sostituire il personale dipendente in uscita. I nuovi posti, con riferimento ai primi 661 del 2020 saranno assegnati entro la prossima estate», afferma l’assessore al Personale, che, assicurando tempi brevissimi anche per gli stessi bandi di concorso, ha concluso: «Questo è un provvedimento reso possibile dalla totale assenza di criticità nel bilancio regionale. Veniamo da un quinquennio dove la Giunta regionale ha esaurito tutte le graduatorie, fornendo così a tanti giovani assunti una certezza lavorativa definitiva.».

error: Content is protected !!