Secondo un’indagine di Facile.it e Prestiti.it, nei primi 8 mesi del 2021 l’importo medio richiesto alle società di credito per prestiti destinati alla formazione è stato pari a 7.150 €, con più di 1 richiesta su 4 presentata da un giovane di 25 anni o meno.

di Redazione —

A pochi giorni dall’inizio dell’anno scolastico, ma anche prima, molti italiani stanno facendo i conti con le spese legate allo studio  e non mancano le famiglie che scelgono di affrontare questi costi chiedendo un prestito personale, come rivela un’analisi congiunta di Facile.it e Prestiti.it, realizzata nei primi 8 mesi del 2021 su un campione di oltre 95.000 richieste di prestito personale, l’importo medio richiesto alle società di credito per prestiti destinati alla formazione è stato pari a 7.150 €, valore addirittura superiore del +2,2% rispetto allo stesso periodo del 2019.
L’analisi, tra l’altro, ha messo in luce, non solo che l’importo medio richiesto è aumentato, ma, anche, che si è abbassata l’età media dei richiedenti: nei primi 8 mesi del 2021, più di 1 richiesta su 4 è stata presentata da un giovane di 25 anni o meno.

Analizzando più da vicino le domande di prestiti per studio e formazione emerge che ad aumentare sono state, in particolare, le richieste di taglio grande, vale a dire quelle di importo pari o superiore a 10.000 €, che sono passate dal 26,9% del 2019 al 30,1% del 2021 mentre, i prestiti di piccolo taglio, quelli fino a 3.000 €, sono lievemente cresciuti, stabilizzandosi al 12,7%, la fascia media, quella da 3.000 a 9.900 €, ha perso, complessivamente, quasi il 4%.
Sono sempre più giovani i richiedenti che cercano di ottenere un prestito personale per lo studio; nei primi 8 mesi del 2021 chi ha presentato domanda di finanziamento per questa motivazione aveva, in media, poco meno di 36 anni, vale a dire due anni e mezzo in meno rispetto al valore rilevato nello stesso periodo del 2019. Dato estremamente basso se si considera che, in Italia, l’età media di chi chiede un prestito personale, guardando a tutte le finalità, è pari a quasi 42 anni.
Il calo dell’età è dovuto all’aumento del peso percentuale degli under 25, tanto che, nei primi 8 mesi del 2021 il 25,7% delle domande è stato presentato da un giovane appartenente a questa fascia anagrafica, valore in netto aumento rispetto al 2019, quando i 18-25enni rappresentavano solo il 16,8% dei richiedenti. Diminuiscono, invece, le domande di prestito presentate dagli over 50, che passano dal 22,4% al 16,1%.

<!-- Inizio codice Hotspot (Native Advertising) eADV.it per il sito ilcampanile.it -->
<script type="text/javascript">
(function() {var id = 'eadv-6-' + Math.random().toString(36).substr(2) + (new Date().getTime());document.write(String.fromCharCode(60,115)+'cript async="async" defer="defer" type="text/javascript" id="' + id + '" sr' + 'c="https://www.eadv.it/track/?x=19-12114-6d-6-4a-0-f1-12-6b-234x60-80-0-d0-3163&amp;u=itlic.aemlpian&amp;async=' + id + '&amp;w=250&amp;h=250&amp;cttl=05a098&amp;ctxt=222222&amp;cbg=ffffff&amp;cbgh=f2f2f2">'+String.fromCharCode(60)+'/sc' + 'ript>');})();
</script>
<!-- Fine codice Hotspot (Native Advertising) eADV.it per il sito ilcampanile.it -->
error: Content is protected !!