Tempo di lettura: 2 minutes
ISTI-CNR, Universidad del Desarrollo di Santiago del Cile, l’operatore Telefònica Chile, Fondazione ISI e Università di Torino, hanno portato a termine uno studio, pubblicato su EPJ Data Science, che individua l’algoritmo migliore, capace di individuare l’abitazione di una persona grazie al suo smartphone ed aiutare la ricerca a migliorare l’automatizzazione di stime demografiche, flussi migratori e modelli per la previsione delle malattie.

di Piero Mastroiorio —

Tra i vari dubbi dei fruitori del servizio telefonico vi è una domanda: è possibile localizzare la posizione di un’abitazione attraverso l’analisi dei dati di telefonia mobile? Alla domanda hanno risposto l’ISTI-CNR, Istituto di scienza e tecnologie dell’informazione del Consiglio nazionale delle ricerche, l’Universidad del Desarrollo di Santiago del Cile, l’operatore Telefònica Chile, l’Università di Torino e la Fondazione ISI di Torino, che attraverso uno studio, pubblicato su EPJ Data Science hanno validato, per la prima volta, un vasto insieme di algoritmi, già esistenti o sviluppati appositamente, sui record telefonici di 65 volontari a Santiago del Cile.

Lo studio, che ha consentito di identificare l’algoritmo più accurato, ha rivelato, tra l’altro, che le telefonate nelle ore notturne identificano l’abitazione del portatore di numero con maggiore precisione e che per l’identificazione è sufficiente una frazione inferiore al 20% delle telefonate, come spiega il ricercatore dell’ISTI-CNR, Luca Pappalardo: «Determinare l’abitazione di un individuo attraverso l’analisi dei suoi record telefonici è una sperimentazione che consente di aumentare la capacità di automatizzazione di processi statistici di grande rilevanza, come la stima e la previsione della densità di popolazione, dei flussi migratori, dell’inquinamento atmosferico e la costruzione di modelli matematici per previsioni epidemiologiche, anche rispetto alla diffusione di Covid-19. Nonostante l’importanza di tale rilevamento, la mancanza dell’insieme di record telefonici associati all’area di residenza (dati ground truth), non consentiva di validare opportunamente i metodi attualmente usati, non eravamo quindi sicuri dell’accuratezza dei loro algoritmi. Il nostro studio getta finalmente luce sulla precisione di questi algoritmi, al tempo stesso consentendo di calcolare la minima quantità di dati necessaria per un determinato scopo di pubblico interesse.».

error: Content is protected !!