I ricercatore dell’INGV, dell’Università di Bari e del BGS di Edimburgo (UK), per la prima volta, analizzando la frequenza temporale delle eruzioni nelle fasi di alta e bassa attività dei vulcani dell’area napoletana, sono riusciti a mettere a punto un unico modello statistico di valutazione del loro comportamento e della loro potenziale pericolosità eruttiva.

di Piero Mastroiorio —

Grazie ad uno studio, pubblicato sulla rivista scientifica ‘Science Advances’, dal titolo “A simple two-state model interprets temporal modulations in eruptive activity and enhances multivolcano hazard quantification”, realizzato da un team internazionale di ricercatori dell’INGV, Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, dell’Università degli Studi di BariAldo Moro” e del BGS, British Geological Survey, di Edimburgo (UK), per la prima volta, sono riusciti a produrre una valutazione comparabile delle probabilità di eruzione e della pericolosità sul territorio tra i tre vulcani napoletani, il Vesuvio, i Campi Flegrei e quello dell’Isola d’Ischia, grazie ad un nuovo modello statistico, che, studiando l’alternanza dei periodi di alta e bassa attività eruttiva, permette di confrontare sistemi vulcanici anche molto diversi tra loro, migliorando la comprensione del loro comportamento.

Rappresentazione schematica del nuovo modello statistico, che, reinterpreta la storia eruttiva dei tre vulcani napoletani, Vesuvio, Campi Flegrei e Isola d’Ischia, e permette di produrre una valutazione comparabile delle probabilità di eruzione e della pericolosità sul territorio tra i tre vulcani

La ricerca ha affrontato le diverse tipologie di vulcanismo dei tre vulcani presenti sul territorio dell’area metropolitana di Napoli, densamente popolato: quella del Vesuvio, uno strato vulcano a condotto aperto/chiuso, quella dei Campi Flegrei, una vasta caldera vulcanica formatasi a seguito di almeno tre enormi eruzioni e quella del vulcano dell’Isola di Ischia, un edificio vulcanico che si è elevato di oltre 1000 metri dal fondo del mare in seguito a un processo chiamato “risorgenza vulcanica”. Pertanto, lo studio appena pubblicato, contribuisce a migliorare la comprensione scientifica e, conseguentemente, la previsione probabilistica dell’attività eruttiva dei vulcani, attività fondamentali per mitigare i rischi per le popolazioni residenti nelle aree vulcaniche e per le infrastrutture.
«Studiando i dati geologici e le cronache storiche di questi tre vulcani, così sensibilmente diversi tra loro, siamo riusciti a mettere a punto un modello statistico basato sull’analisi delle fasi di alta e di bassa attività eruttiva. Il nostro modello si fonda su soli tre parametri: la frequenza eruttiva annuale dei vulcani nei loro periodi di bassa attività. La stessa frequenza eruttiva annuale registrata, viceversa, nei periodi di alta attività e il cosiddetto ‘tempo di intervento soglia’, vale a dire l’intervallo temporale senza eruzioni, trascorso il quale, è possibile sancire il passaggio del vulcano da una fase di alta a una fase di bassa attività eruttiva», spiega Jacopo Selva, ricercatore dell’INGV e primo autore dello studio che ha analizzato i tre vulcani attivi dell’area napoletana: il Vesuvio, i Campi Flegrei e quello dell’Isola di Ischia.

I risultati dello studio realizzato, applicando questo nuovo modello, hanno evidenziato come le dinamiche di avvio e termine delle fasi di alta attività eruttiva siano significativamente diverse tra il Vesuvio, i Campi Flegrei e quello dell’Isola d’Ischia, ciascuna legata ai processi vulcanici specifici che dominano i singoli vulcani, come spiega, Roberto Sulpizio, ricercatore dell’Università di Bari: «Nella maggior parte dei vulcani, per quanto diversi tra loro, esistono almeno due stati, da noi identificati come periodi di alta e di bassa attività e, con il nostro modello, descriviamo quantitativamente l’alternanza tra questi due stati. Studiando la storia eruttiva dei vulcani napoletani, che sono molto diversi tra loro, con il nostro modello abbiamo descritto in maniera omogenea le caratteristiche dei due differenti stati di attività per ciascuno di essi e la tempistica nella quale si registra nuovamente l’equilibrio del sistema vulcanico dopo una fase di alta attività eruttiva. Queste analisi possono fornire dati importanti per comprendere a pieno le dinamiche che governano il verificarsi delle eruzioni, soprattutto, permettono di stimare in modo omogeneo e confrontare tra loro la probabilità di eruzione dei diversi vulcani, e, di conseguenza, la loro pericolosità.».

333.344646 Nicola – Torremaggiore — 347.5270649 Piero – San Severo
Ufficio: Via Troia, 32 – San Severo
error: Content is protected !!