Tempo di lettura: 2 minutes

PAOLONI: «Il Prefetto Gabrielli conferma che ‘Astrazeneca’ sarà il vaccino per le Forze dell’Ordine.  Non ci pare il più adatto!».

di Redazione —

«Il Prefetto Gabrielli ha evidenziato l’importanza del vaccinarci tutti e che ‘Astrazeneca’ sia stato indicato come il vaccino che sarà somministrato alle Forze dell’Ordine. Non concordiamo per diversi motivi. Innanzitutto virologi di fama internazionale parlano di un vaccino che già ha un’efficacia minore rispetto agli altri, e che si assesta attorno al 60%, ma che soprattutto non evita dopo la sua assunzione la trasmissione del virus, rispetto agli altri due che invece non presentano tale controindicazione.

La nostra è una categoria che ha insito nel suo servizio uno dei maggiori rischi di contagio esistenti, visto che siamo spesso in strada e a contatto con la gente, al pari di categorie come quella di medici ed infermieri. Ora, credo che, come affermano affermati virologi, somministrare un vaccino che non impedisce il diffondersi del virus, non sia strategico. Concludo con un’altra importante motivazione, che riguarda l’età massima di efficacia del vaccino: 55 anni sono un paletto molto stretto, soprattutto alla luce dell’età media dei poliziotti. Molto alto il rischio è che gli operatori delle Forze dell’Ordine possano avere una tutela inferiore rispetto alla cittadinanza e pertanto scelgano di non aderire alla campagna vaccinale per le FFOO, ma di attendere il loro momento come semplici cittadini. Abbiamo esortato il Capo della Polizia a farsi portavoce delle nostre istanze con il Ministro dell’Interno Lamorgese ed il Commissario Arcuri», dice Stefano Paoloni, Segretario Generale del SAP, Sindacato Autonomo di Polizia, commentando la riunione tra i Sindacati ed il Capo della Polizia sulla vaccinazione degli operatori della Polizia di Stato col vaccino Astrazeneca.

error: Content is protected !!